TRIBUTO A RUDOLF NUREYEV – Teatro Manzoni di Milano

20 Febbraio 2017    ore 20,45

 Gala di danza classica

TRIBUTO A  RUDOLF NUREYEV

interpreti
DINU TAMAZLACARU – VIKTOR ISHCHUK

KARINA SHATKOVSKAIA – KUKHAR KATERYNA

SKYLKIN ALEKSANDR – REZART STAFA

BIANCA ASSAD – DORIAN GRORI

 LKV_Sharing per Anna Pavlova Network

Rudolf Nureyev, il più grande ballerino di tutti i tempi il cui talento rimane ancora oggi ineguagliato, ha segnato un’epoca dal punto di vista interpretativo e creativo nella storia della danza del ‘900.

Eccelso danzatore, le cui doti espressive e virtuosistiche hanno esaltato talento ed irrequieta genialità, si univano ad un’incredibile carisma ed una presenza scenica unica ed ammaliante.

Le sue coreografie, hanno saputo infondere nuova linfa ai classici del repertorio, rivitalizzandoli con un perfetto equilibrio tra modernità e tradizione. Ancora, come intelligente scopritore di nuovi talenti, Nureyev ha saputo motivare alla passione per la danza e alla ricerca per la perfezione tecnica tante giovani promesse, che oggi, arricchite dal suo prezioso bagaglio artistico, fanno rivivere la sua ispirazione nel “Gala di danza classica –  Tributo  a  Rudolf Nureyev”, a lui dedicato.

A rievocare il grande mito della danza  danzeranno molti altri solisti e ballerini internazionali che condividono l’emozione di far rivivere una figura leggendaria in una serata davvero speciale.

Il Gala in omaggio a Rudolf Nureyev, si apre con parole toccanti che accompagnano un filmato di alcune sue memorabili interpretazioni, un commosso ricordo di Luigi Pignotti, per lunghi anni manager di Nureyev e attualmente Presidente dell’ Associazione Rudolf Nureyev, che si propone di diffondere e tutelare il nome e il patrimonio artistico del grande danzatore russo. Sul palco del Gala, Tributo a Rudolf Nureyev, si alterneranno quindi, preziosi frammenti dei tanti balletti del repertorio classico che Nureyev riprodusse secondo un proprio personalissimo stile ma, allo stesso tempo fedele all’originale. Ecco, dunque in scena “Il Corsaro”, il passo a due di “Diana e Atteone”, il “Don Chisciotte”, il “Il Lago dei Cigni”, “Giselle”, lo “Schiaccianoci” e molti altri.

La spettacolo, già applaudito nei più prestigiosi teatri italiani, torna dunque ora ad emozionare il pubblico.

Sarà presente per noi il nostro inviato Luca Vantusso di LKV Photo & Communications  

 

PREZZI SPETTACOLO

Poltronissima Prestige € 32,00  –  Poltronissima € 28,00  –  Poltrona € 22,00  –  Under 26 € 15,00

VIKTOR ISHCHUK

National Opera of Ukraina    Diplomato  all’ Accademia Nazionale di Danza di Kiev. Ballerino Onorato dell’ Ucraina, il primo ballerino del Balletto Nazionale di Kiev (Theatre). Vincitore di concorsi internazionali di balletto a Vienna nel 1998, a San Pelten nel 1997 , alla Moscow Ballet Competition del 2005, alla Jackcon Ballet Competition del 2006 e del premio speciale  “Rudolf Nureyev” a Budapest del 1998, del premio speciale del concorso nazionale ucraino ” the most talented person of the year “. Ha lavorato come Primo Ballerino al Teatro Mikhailovskiy di San Pietroburgo, al “Teatro Teresa Careio”  in Venezuela, nella “Compania Nacional de Danca ” in Messico e al Royal Ballet a Vennipeg, Canada.

DINU TAMAZLACARU

Ballerino del Balletto di Stato di Berlino. Nato a Chisinau, Moldavia, nel 2000 si è diplomato presso la Scuola Nazionale di Balletto a Chisinau (classe di Alexander Ivanov), nel 2002 presso il Conservatorio di Vienna Ballet (classe di Maxim Abzalov). Nel 2000, entra a far parte della compagnia di balletto di Unter den Linden Teatro a Berlino, nel 2004 entra a far parte del Balletto di Stato di Berlino. Il suo repertorio include i ruoli principali in balletti classici e contemporanei, tra cui il Lago dei cigni, Don Chisciotte, Tchaikovsky, Onegin, Lo Schiaccianoci, Coppelia, La Sylphide, Balletto Imperiale, Herman Schmerman, tra molti altri. Dinu Tamazlakaru è un principale ospite con il Teatro Comunale (Firenze), Teatro Arcimboldi (Milano), Opera di Roma, Tokyo Ballet, l’Opera Nazionale Tatar, la National Opera rumeno, l’Opera Nazionale Croata, il Teatro Nazionale Slovacco.

KARINA SHATKOVSKAIA

Diplomata alla scuola di Ballo di Stoccarda. Prima ballerina del Balletto Nazionale Ucraino. Concorso di danza “Kazakhstan” ad Astana nel 2009  e Concorso Serge Lifar a Donetsk “Ukraine”. Vincitrice del premio speciale per la miglior tecnica di danza posseduta al Concorso “Lozano” , in Svizzera. Partecipante fisso dei festival di danza a Budapest in Ungheria e a Mosca in Russia.

KUKHAR KATERYNA
Ballerina Onorata dell’Ucraina. Diplomata all’accademia internazionale di danza a Kiev, ballerina solista del Balletto Nazionale di Kiev, vincitrice di concorsi internazionali di danza in Italia e in Russia. Repertorio: “la Silfide”, “Don Chisciotte”, “Lo Schiaccianoci”, “La bella addormentata”, “Cenerentola” e altri.

 SKYLKIN ALEKSANDR

Diplomato all’accademia nazionale di danza dell’Ucraina.  Ballerino solista del Balletto Nazionale di Kiev. Premio speciale “Vaclav Nijinsky” al concorso internazionale di danza “ Serge Lifar”. Repertorio: Lo Schiaccianoci, Fiamma de Paris, Cenerentola, e altri.

 REZART STAFA

Nasce in Albania. Dal 1993 al 1998 studia a Tirana presso L’Accademia di Balletto di Tirana. Nel 1998 vince una borsa di studio de l’Unesco presso la Scuola di Balletto Cosi-Stefanescu. Nel 2003 si diploma e diventa parte integrante della Compagnia Balletto Classico Cosi-Stefanescu partecipando a tutto il repertorio e alle nuove creazioni della Compagnia ricoprendo ruoli da solista e da primo ballerino in Don Chisciotte (Basil), Coppelia (Franz), Romeo e Giulietta (Romeo), Patetica (L’Amore), Omaggio a Ciaikovski, Concerto (L’Artista), Schiaccianoci (pas de deux), Risveglio di Flora (pas de deux), Corsaro (pas de deux), Sylvia (adagio), Danza Napoletana, Raymonda, Incontro, Radici (L’Artista), Ground Zero – Nuovo Giardino (Il Figlio), Alba di Pace e Armonia, Variazioni Sul Tema Amore, Nostalgia, Le Nozze, Anafura (Il Cristo), In Attesa del Nuovo Tempo, Ave Maria (a solo), Doina (a solo), Riflessione (a solo), Come due Colombe, Sagra Della Primavera (Il Fuoco), La Moldava (Il Fuoco), Dialogo con L’Infinito (La Guerra). Ha ballato altrove in La Fille Mal Gardée (Colas), Bayadera (Solor), Corsaro (Il Corsaro) sia in Italia che all’estero (Rep. Ceca, Romania, Germania, Turchia, Marocco, Tunisia, Stati Uniti, Russia, Libano. Nel 2002 partecipa al Concorso Internazionale di Balletto a Jackson negli Stati Uniti. Nel 2004 è ospite del Balletto di Kiev in Italia con il balletto Don Chisciotte e Schiaccianoci nel pas de deux. Nel 2012 diventa insegnante di danza classica e di passo a due presso la Scuola Balletto Classico Cosi-Stefanescu. Dal 2016 è Co-Responsabile del Nuovo Balletto Classico di Reggio Emilia dove lavora come Docente e Primo Ballerino.

BIANCA ASSAD      
Inizia lo studio della danza classica in Brasile dove si diploma nel 2001 presso il Ballet Brazil di Brasilia per poi perfezionarsi all’Atelier Rudra di Bèjart, partecipando e vincendo nel contempo importanti competizioni come primo e secondo premio in Brasile e al IX Concorso internazionale di danzatori e coreografi di Mosca al Teatro Bolshoi. Successivamente diviene membro della compagnia di Heinz Spoerli a Zurigo dove balla fino al 2003. In seguito entra a far parte del Balletto Classico Cosi-Stefanescu di Reggio Emilia come solista/prima ballerina danzando gran parte del repertorio come Don Quixote (Kitri), Coppelia (Swanilda), Raymonda (Raymonda) – Grand Pas Classique, Romeo and Giulietta (Giulietta), Nutcracker, Patetica (La Vita), Bella Addormentata nel Bosco (pas de deux), Corsaro (pas de deux) Concerto n°1 (Ciaikovski), Concerto (Rachmaninov) e nelle creazioni di Marinel Stefanescu come Radici (L’Arte), In attesa del Nuovo Mondo, I due Innocenti, Alba di Pace e Armonia, Sagra della Primavera (Natura), Dialogo con l’Infinito (Pace), Passeggiando (a solo), Suite di Danze Spagnole, e tante altre…….La Fille Mal Gardée (Lise), Bayadera (Nykia), Corsaro (Medora), Cenerentola sia in Italia che all’estero (Rep. Ceca, Germania, Marocco, Libano, Russia). E’ stata ospite del Gran Gala della Città di Erfurt – Germania, così come in tanti altri importanti galà in Italia. Dal 2016 entra a far parte del Nuovo Balletto Classico di Reggio Emilia.

DORIAN GRORI

è nato in Albania e si è diplomato presso l’Accademia di Danza di Tirana. Ha lavorato all’Opera di Tirana ricoprendo ruoli da Solista. In seguito, nel 2001, si trasferisce in Italia ed entra a far parte dell’Associazione Balletto Classico di Liliana Cosi e Marinel Stefanescu, esibendosi in qualità di primo ballerino e partecipando a tutto il repertorio e alle nuove creazioni coreografiche classiche e neoclassiche della Compagnia e a tutte le tournée all’estero. In qualità di docente ha insegnato danza classica ai primi corsi presso l’Accademia del balletto di Tirana e attualmente svolge l’attività di maestro in Italia.

 

Pubblicheremo a breve il Servizio relativo del nostro inviato Luca Vantusso di LKV Photo & Communications  – Anna Pavlova Network, all rights reserved.

Giselle – Accademia Ucraina del Balletto

LKV_Sharing per Anna Pavlova Network

Giselle – Accademia Ucraina del Balletto al Teatro degli Arcimboldi di Milano

L’Accademia ucraina di balletto come ogni anno porta sul palco del grande Teatro degli Arcimboldi di Milano il suo spettacolo in un fine settimana in cui la scuola si concentra su questo importante evento.

The Ukrainian Ballet Academy brings its spectacle on stage of the Arcimboldi Theatre of Milan, as it does every year in this weekend of total concentration of the school  and all of its students and teachers on this important event.

Uno spettacolo degno di figurare in cartellone di Compagnie di Danza e Balletto di alto livello, senza dubbio, che infatti utilizza tale palco prestigioso per portare al pubblico quello che sommariamente è lo spettacolo degli allievi dell’Accademia ma che può tranquillamente essere portato in qualunque sede.

This performance deserves being present in the programs of the best dance companies of the highest level and being brought on stage of such a prestigious theatre. Even if it is actually the Academy students’ spectacle, the level of it was high enough for the most serious locations.

Un plauso alle scenografie, ai costumi molto ben fatti e alle luci sempre precise, oltre alla evidente disciplina che si intravede osservando questa “Giselle” soprattutto quando in scena entrano gli allievi più piccoli.  Un grande lavoro insomma a cui sono stato contento di assistere che testimonia l’impegno portato avanti dalla Scuola con sede all’Istituto Marcelline di Milano.

The scenography and the costumes are very well made , so as the lights that were very precise during the whole performance. Very strict discipline and enormous responsibility of the students were more than evident while they were performing this “Giselle”, especially when the smallest ones entered the stage. It was a pleasure for me to witness the results of great work done by the school’s branch in Milan, situated at the Marcelline Institute. 

Molto bravi i primi ballerini  Ievgen Lagunov (che è stato anche Primo Ballerino del Teatro dell’Opera di Kiev), e Nadejda Scepaciova, prima ballerina del Teatro dell’Opera della Moldavia e del Saint-Petersburg Classical Ballet of Andrei Batalov, che guidano quest’opera classica che si rivede sempre volentieri. Una bella esperienza senz’altro per tutti gli iscritti all’Accademia che porta loro un bagaglio di esperienze importanti.

Wonderful performance was made by the principles Ievgen Lagunov who is also a Kiev Opera Theatre principle,  Nadejda Scepaciova, prima ballerina of Moldavia Opera Theatre, and Andrei Batalov of Saint Petersburg Classical Ballet who lead this classic of all times, always great to see and enjoy one more time. It was with no doubt an important and unforgettable experience for all the students of the Academy!

( scritto / written by Luca Vantusso )

Torna, come ormai ogni anno, l’appuntamento degli allievi dell’Accademia Ucraina di Balletto al TEATRO ARCIMBOLDI.
Dopo Don Quixote, Lago dei Cigni e La Bella Addormentata, balletti per eccellenza del repertorio classico, l’Accademia Ucraina di Balletto vi porta a scoprire altri due balletti “fulcro” della tradizione classica.

Ad aprire le danze sarà Giselle, in scena Venerdì 3 febbraio e sabato 4 febbraio ore 21.00, con due grandi nomi della danza internazionale, il Solista del Teatro dell’Opera di Budapest (Ungheria) IEVGEN LAGUNOV e NADEJDA SCEPACIOVA. Accanto a loro, come sempre, tutti gli allievi della Scuola, con la partecipazione di alcuni studenti già diplomati. Il balletto Giselle, nato dall’idea del romanziere francese Théophile Gautier e musicato da Adolphe-Charles Adam, narra la storia di una contadina bella e solare, che suscita la curiosità e l’amore di un principe, Albrecht. Quest’ultimo la seduce fingendosi un popolano pur essendo promesso ad un’altra. La giovane scopre l’inganno dopo l’intervento di un suo invidioso spasimante, e dal dolore impazzisce e muore. La giovane si paleserà di nuovo ad Albrecht, disperato e in preda al rimorso, sotto le sembianze di una villi, spirito di donna morta non ancora sposata. Le altre villi, solidali con la compagna, cercano di sfinire Albrecht facendolo danzare ma Giselle, lo salverà, sostenendolo fino all’alba.

Un ringraziamento a Silvia Arosio in veste di ufficio stampa.

All photos by Luca Vantusso di LKV Photo & Communications  – Anna Pavlova Network, all rights reserved.

 

Accademia Ucraina del Balletto – Giselle e Biancaneve e i sette Nani

Siamo orgogliosi di annunciare che Luca Vantusso di LKV Photo & Communications , come parte della sua collaborazione con  Anna Pavlova Network per il progetto LVK_Sharing, ci porterà le notizie del tour italiano dell’ACCADEMIA UCRAINA DEL BALLETTO, che torna come ormai ogni anno con l’appuntamento dei suoi allievi al TEATRO DEGLI ARCIMBOLDI.

Dopo Don Quixote, Lago dei Cigni e La Bella Addormentata, balletti per eccellenza del repertorio classico, l’Accademia Ucraina di Balletto vi porta a scoprire altri due balletti “fulcro” della tradizione classica.

We are proud to announce that Luca Vantusso of LKV Photo & Communications, as a part of his collaboration with Anna Pavlova Network for the LVK_Sharing project, will keep us updated on the news of The Ballet Academy of the Ukraine Italian tour. The Academy will bring its students to the Arcimboldi Theatre, s it traditionally does every year.  After Don Quixote, Swan Lake and The Sleeping Beauty as there most excellent examples of repertoire classico The Academy of Ballet of Ukraine brings two ballets that stand out of classical tradition.

Ad aprire le danze sarà Giselle, in scena Venerdì 3 febbraio e sabato 4 febbraio ore 21.00, con due grandi nomi della danza internazionale, il Solista del Teatro dell’Opera di Budapest (Ungheria) IEVGEN LAGUNOV (che è stato anche Primo Ballerino del Teatro dell’Opera di Kiev, patria dell’Accademia), e NADEJDA SCEPACIOVA, prima ballerina del Teatro dell’Opera della Moldavia e del Saint-Petersburg Classical Ballet of Andrei Batalov.
Accanto a loro, come sempre, tutti gli allievi della Scuola, con la partecipazione di alcuni studenti già diplomati.

Giselle will open the tour, on stage Friday the 3d and Saturday the 4th of February at 21:00, with participation of two big names of international dance – Opera of Budapest soloist IEVGEN LAGUNOV (who is also a principle of Kiev Opera Theatre) and NADEJDA SCEPACIOVA, soloist of the Opera Theatre of Moldavia and of Saint Petersburg Classical Ballet of Andrei Batalov, accompanied by all the students of the Academy with participation of some graduates as well. 

Il balletto Giselle, nato dall’idea del romanziere francese Théophile Gautier e musicato da Adolphe-Charles Adam, narra la storia di una contadina bella e solare, che suscita la curiosità e l’amore di un principe, Albrecht. Quest’ultimo la seduce fingendosi un popolano pur essendo promesso ad un’altra. La giovane scopre l’inganno dopo l’intervento di un suo invidioso spasimante, e dal dolore impazzisce e muore. La giovane si paleserà di nuovo ad Albrecht, disperato e in preda al rimorso, sotto le sembianze di una villi, spirito di donna morta non ancora sposata. Le altre villi, solidali con la compagna, cercano di sfinire Albrecht facendolo danzare ma Giselle, lo salverà, sostenendolo fino all’alba.

Giselle ballet, born from the idea of a French writer Théophile Gautier and the music by Adolphe-Charles Adam, tells the story of a beautiful and merry country girl who fell in love with a prince named Albrecht. Albrecht seduces her despite of being already engaged with another woman. The young girl finds out the truth from her jealous admirer, goes mad with pain and dies. The young girl will present herself before Albrecht, desperate and tortured by her feelings, as a villi, a spirit of a  young and  not married woman.Other villi search to exhaust Albrecht making him dance without a break but Giselle will save him, being on his side up to the sunrise. 

Oltre a Giselle, due pomeridiane dedicate al balletto Biancaneve e i sette nani, in cartellone Sabato 4 e domenica 5 febbraio ore 16.00, con, oltre agli allievi della scuola (diplomati e non), Alexander Balan, primo ballerino del National Opera and Ballet Teatre, Republic of Moldova.

Realizzato per la prima volta al teatro dell’Opera di Kiev nel 1975, questo balletto è una produzione per bambini e genitori ed è tratta dalla famosissima e amatissima favola del Fratelli Grimm. Con le musiche di Bogdan Pavlovsky sarete proiettati nella magia di una storia con la quale siamo tutti cresciuti e con la quale sicuramente cresceranno anche i bimbi di queste generazioni. E per il pubblico amante del balletto non mancheranno tecnica, virtuosismi, scenografie e costumi di altissimo livello.

Besides Giselle, there will be two daytime performances of the Snow-white and the Seven Dwarfs, programmed for Saturday the 4th and Sunday the 5th at the 16:00 with participation of Alexander Balan together with the students of the Academy. 

Realised for the first time in the year 1975 at the Kiev Opera Theatre, this ballet is a production made especially for children and their parents and tells the popular fairy tale created by Grimm brothers. You will be whelmed away by this magical story  which we all grew up with,  accompanied by the music of Bogdan Pavlovsky. At the same time  ballet lovers will enjoy the high level performance with wonderful technique, virtuosity, excellent scenography and costumes.

Milano – Teatro degli Arcimboldi
Viale dell’Innovazione 20 – 20126 Milano
date:
da venerdì 3 febbraio a domenica 5 febbraio 2017
Giselle: Venerdì 3 febbraio e sabato 4 febbraio ore 21.00
Biancaneve e i sette nani: Sabato 4 e domenica 5 febbraio ore 16.00
Centralino:
Telefono: + (39) 02.64.11.42.200, attivo dal lunedì al venerdì ore 10 – 18�
Biglietteria:

Viale dell’Innovazione 20 – 20126 Milano
Telefono: + (39) 02.64.11.42.212/214
dal lunedì al venerdì ore 14 – 18

Biglietti GISELLE
platea bassa GOLD € 30.00 + diritto di prevendita
platea bassa € 25.00 + diritto di prevendita
platea alta € 20.00 + diritto di prevendita
I galleria € 15.00 + diritto di prevendita
II galleria € 12.00 + diritto di prevendita

Prezzi speciali per scuole, scuole di danza e gruppi da € 5,00 a 20,00
Info_ promozione.arcimboldi@ipomeriggi.it
Tel.0287214914/15

Prevendite: CIRCUITO DI PREVENDITA TICKETONE
In rete e in tutti i punti vendita Ticketone www.ticketone.it

Non perdete questa possibilità di vedere l’ACCADEMIA UCRAINA DEL BALLETTO dal vivo e seguiteci  su www.annapavlova.network !

volantini_affiancati

Coppélia di Amodio – Teatro Municipale di Piacenza

LKV_Sharing per Anna Pavlova Network

Coppélia di Amodio – Teatro Municipale di Piacenza

Daniele Cipriani Entertaimnent – Omaggio a Lele Luzzati nel decimo anniversario della scomparsa

La compagnia Daniele Cipriani Entertainment ha portato in scena nel bellissimo Teatro Municipale di Piacenza lo Spettacolo “COPPELIA”, rivisitandolo come solamente Amodio è in grado di fare. L’atmosfera è particolare e decisamente Dark, arricchita da personaggi caratterizzati da una presenza scenica incisiva. Il corpo di ballo è sempre all’altezza nei vari cambi di scena, e fa da ottimo contorno ai protagonisti che rimangono degli eccellenti interpreti.

Daniel Cipriani’s Entertainment company exhibited with “COPPELIA” spectacle at the beautiful Theatre of Piacenza. The atmosphere was very special and particularly dark, enriched  with very characteristic personages and impressing scenography.  The corps de ballet always demonstrates a very high level of performance and accompany the soloists perfectly.

Alessandro Macario brilla per carisma e Anbeta Toromani incarna la protagonista Clara con leggerezza e portamento. Un plauso anche ai bravissimi Giulia Neri nei panni di Olimpia e a Umberto de Santis nelle vesti di Coppelius. Il contorno degli automi De Filippo, Polverari e Moro riesce inoltre a creare quell’inaspettato legame di simpatia con il pubblico che non ci si aspetta da uno spettacolo del genere ma che arricchisce senz’altro l’insieme. Nell’insieme una versione che si rifà all’originale molto più di altre, ma che ne esce differente e unica grazie alla rivisitazione del maestro Amodio. Ottima come sempre la gestione luci.

Alessandro Macario shined with carisma and Anbera Toromany interpreted the protagonist part of Clara very tenderly and with great style.  Our applauses go to beautiful Giulia Neri as Olimpia and Umberto de Santis as Coppelius. A well balanced cooperation of De Filippo, Polverari and Moro not only results in a surprising closeness and interaction with the public, unusual for such a type of events, but also brings the overall performance to a higher level.  

La coreografia di Amodio si rifà alla fonte primaria del balletto, il racconto di E.T.A. Hoffmann “Der Sandmann” del 1816, e Coppélia, pur muovendosi nell’alveo del linguaggio classico sulla musica originale di Delibes, diventa una grande creazione cinematografica, un meta-teatro dove la scena è un set, l’inventore-demiurgo Coppélius è un regista e i personaggi sono tutti attori di un film.

In general this performance which follows the original choreography more than many other at the same time appears to be a very original spectacle thanks to Maestro Amodio’s interpretation. The lights were as always impressing. The Amodio’s choreography interprets the story by Hoffman “Der Sandmann” of 1816. The Coppélia becomes more of a cinematographic work of art, destined to create a special atmosphere without loosing the classical language and the original music by Delibes. The stage becomes a real cinema set for the inventive demiurg Copelliusas as a creative film director in this story.

“Lo spettacolo – afferma Amodio – è come un set dove si provano diverse scene del film che poi saranno montate, e dove Olimpia, la donna-automa, contende il ruolo di protagonista a Clara. In scena entrano anche altre mitiche figure: Dracula, Frankenstein e Charlot oltre a suggestioni e atmosfere che arrivano da Ginger Rogers e Fred Astaire, Gary Cooper e Marlon Brando”.

“The spectacle –  Amodio’s admits – is like a set where different scenes are rehearsed that eventually must be united together in the future and where Olimpia gives the protagonist part to Clara. Other mythic personages perform on stage, such as Dracula, Frankenstein and Charlot in addition to the intrigue bright to the performance by Ginger Rogers, Fred Astaire, Gary Cooper and Marlon Brando”

( scritto / written by Luca Vantusso )

Balletto in due atti di Amedeo Amodio
dal racconto Der Sandmann di E.T.A. Hoffmann

Musica Léo Delibes
Musiche della balera Giuseppe Calì

Coreografia e regia Amedeo Amodio

Scene Emanuele Luzzati, Luca Antonucci
Costumi Luisa Spinatelli
Luci Marco Policastro

Assistente alla Coreografia Stefania di Cosmo

Maìtre de Ballet Stefania di Cosmo, Riccardo di Cosmo

Direttore di Scena Filippo Mancini

Primi Ballerini ANBETA TOROMANI, ALESSANDRO MACARIO

Nataniele: Alessandro Macario

Clara: Anbeta Toromani

Coppelius: Umberto de Santis

Olimpia: Giulia Neri

Gli Amici: Pietro Valente, Valerio Marisca, Francesco Moro, Gabriele Togni, Marco Fagioli

Gli sposi e le spose: Valerio Polverari, Ferdinando De Filippo, Davide Bastioni, Susanna Elviretti, Noemi Luna, Ilaria Grisanti.

Gli Amici della Città: Valerio Marisca, Davide Bastioni, Gabriele Togni, Marco Fagioli, Tomo Muranaka, Andrea Caleffi, Valentina Chiulli, Elisa Aquilani.

I Marinai: Francesco Moro, Pietro Valente, Marco Fagioli

Le ragazze di Strada: Ilaria Grisanti, Susanna Elviretti, Silvia Accardo

Gli Automi: Ferdinando de Filippo ( Dracula ), Valerio Polverari ( Frankenstein ), Francesco Moro ( Charlot ).

Un ringraziamento a Simonetta Allder e a Costanza Nocentini in qualità di ufficio stampa per la disponibilità e cortesia.

All photos by Luca Vantusso di LKV Photo & Communications  – Anna Pavlova Network, all rights reserved.

Il Balletto di Mosca – La Classique – Cinderella

LKV_Sharing per Anna Pavlova Network 

IL BALLETTO DI MOSCA – LA CLASSIQUE

Come ogni anno la Compagnia “Il Balletto di Mosca – La Classique” porta sui palchi italiani diversi spettacoli. Ogni anno si esibisce in Francia, Gran Bretagna, Austria, Spagna e Portogallo. La compagnia viene accolta da sempre con entusiasmo da parte del pubblico italiano e riesce sempre a garantire un buon successo di pubblico alle varie serate. Abbiamo seguito anche lo Spettacolo “Cenerentola” sul palco del Teatro Coccia di Novara, e garantisce sempre un importante risultato al botteghino. La storia è piacevole anche se un pò “lenta”, e i protagonisti pur rispettando i ruoli non eccellono. Una storia che il pubblico vive come una favola e come tale segue con piacere, dove non sono presenti particolari virtuosismi e senza dubbio occorrerebbe inserire alcune parti ad effetto. In ogni caso i colori e gli abiti sono importanti e da produzione di alto livello, anche se a nostro parere sarebbe da curare di più la qualità dei fondali. Il pubblico che accorre giustamente al richiamo degli spettacoli della Compagnia siamo certi che apprezzerebbe il prossimo anno un miglioramento generale della qualità degli spettacoli.

As every year, Moscow Ballet La Classique brings different spectacles to Italian theaters. Every year it performs in France, Great Britain, Austria, Spain and Portugal.  The company always finds great interest of the public here in Italy and its performances are guaranteed to gather a lot of guests. We were present at their “Cinderella” spectacle at the Teatro Coccia of Novara and, with a great success obtained at the box office, unfortunately it didn’t result in a great success on stage. The choreography is quite pleasant even if it can be called a bit “slow”, the dancers perform with respect to their roles but not excellently. The story is meant to be represented as a fairy tale and surely the public would be happy to see more expressive parts in it. The colors and the quality of the costumes are of high level, yet more attention could have been payed to the background, in our opinion. The public that always follows the company’s performances in our country surely will appreciate it if the overall quality of the show will grow the next year.

( scritto / written by Luca Vantusso )

Balletto in 3 atti e 7 scene
Musiche di Sergey Prokofiev
Coreografie di R. Zacharov
Libretto di Nikolai Volkov, basato sull’omonima fiaba di Charles Perrault

Scenografie e costumi M. Zavitskaya e E. Gurenko

Balletto di Mosca
Interpreti principali:
N.Ivanova, E.Shalyapina, Cenerentola
S.Kuptsov, A.Tarasov, Principe

Distribuzione Eventi di Danza di Mauro Giannelli
Produzione Balletto di Mosca “La Classique”, diretto da Elik Melikov

Un ringraziamento all’ufficio stampa del Teatro Coccia di Novara nella persona di Serena Galasso.

All photos by Luca Vantusso of LKV Photo & Communications  – Anna Pavlova Network, all rights reserved.

 

Royal Ballet of Moscow – The Nutcracker

LKV_Sharing per Anna Pavlova Network 

ROYAL BALLET OF MOSCOW – THE CROWN OF RUSSIAN BALLET

presentato in esclusiva per l’Italia dal Teatro Verdi di Montecatini Terme e Euroeventi

Abbiamo seguito per voi anche THE NUTCRAKER il secondo dei due spettacoli in cartellone della compagnia Russa. Un classico del periodo Natalizio sempre interessante che porta grandi e piccini in un fiaba senza tempo. Al Cine Teatro l’Agorà di Carate Brianza è stato portato in scena lo Spettacolo natalizio che ha riempito la sala. Molte le figure sul palco seguendo la storia originale, pur con qualche licenza, come ad esempio il Re dei Topi al femminile. Esibizione all’altezza per una serata che è stata molto apprezzata dal pubblico. Un plauso alla location, Il Cine-Teatro l’Agorà, che è molto accogliente e strutturata in modo tale da permettere anche alle ultime file di poter assistere correttamente allo spettacolo.

Royal Ballet of Moscow is exclusively  presented in Italy  by Teatro Verdi of Montecatini and Euroeventi. We followed the second part of their tour for you, which is the Nutcracker – an all times Christmas classic that brings both children and adults in a beautiful fairytale. The Cine Teatro l’Agorà of Carate Bianza was full, a lot of people came to see this festive performance. A lot of personages participated in the show on stage, most of them in classical interpretation, some of them were quite originale such as the Mouse King role exhibited by a woman dancer. The performance was very much appreciated by the public. The location itself helped to enjoy the spectacle on the highest level, thanks to good  technical conditions of the theatre that allow the guests see and hear everything very well even from the last rows.

 

( scritto / written by Luca Vantusso )

Diretto da Anatoly Emelyanov, fondata dallo stesso Emelyanov e da Anna Aleksidze nel 1997, il corpo di ballo annovera tra le sue fila ballerini di grande esperienza e raffinatezza artistica, provenienti dai migliori teatri russi. Anatoly Emelyanov è un ballerino molto apprezzato nel suo paese, la sua filosofia è portare l’eccellenza della danza russa nel mondo, in Italia questa stagione porta due grandi classici Il lago dei cigni e Lo schiaccianoci: “Il balletto é una fonte dell’ispirazione anche per la mia vita. Durante la danza si provano tutte le emozioni umane: gioia, paura, nostalgia, allegria…il pubblico italiano è un pubblico molto preparato, attento, grande intenditore del balletto classico, ma prima di tutto è un pubblico molto emozionale. Per noi è sempre un grande piacere esibirsi in Italia. Nel corso degli anni la compagnia ha realizzato tournée in Inghilterra, Irlanda, Stati Uniti, Thailandia, Cina, Giappone, Israele, Messico, Svezia, Germania, Francia, Spagna e Portogallo, riscuotendo un grande successo internazionale. E per la prima volta nella storia del balletto russo, il Royal Ballet of Moscow ha effettuato una tournée nell’Africa orientale, visitando paesi come la Tanzania, lo Zambia e il Kenya. La loro filosofia artistica prevede non solo la messa in scena dei grandi classici del balletto, ma anche la creazione di un repertorio moderno di più ampio respiro, rivolto ad un pubblico sempre più vasto e al contempo esigente. La grande ballerina russa Olga Lepeshinskaya ha scritto in una recensione: ”Oggi l’ultima generazione di Ballerine russe deve assistere a uno spettacolo del Royal Ballet of Moscow per sperimentare tali performance e tale energia”.

Musica: Pyotr Ilyich Tchaikovsky

Coreografia: Lev Ivanov, Marius Petipa c adattamento A. Emelyanov

Libretto: M. Petipa – adattamento A. Emelyanov

Scene e costumi: Valentin Fedorov

Corpo di Ballo del Royal Ballet of Moscow – The Crown of Russia

INFO: 338.3508123 – www.royalballetofmoscow.it

All photos by Luca Vantusso of LKV Photo & Communications  – Anna Pavlova Network, all rights reserved.

Rassegna “MILANO IN DANZE”

MILANO IN DANZE” – 23 GENNAIO 2017

Al Teatro Carcano si svolgerà la seconda parte della Rassegna  “MILANO IN DANZE” che verrà seguita per noi dal nostro inviato Luca Vantusso di LKV Photo & Communications.

FOCUS DANCEHAUS – UNDER35 in scena / DANCEHAUSpiù

 Lunedì 23 gennaio 2017 al Teatro Carcano andrà in scena la DanceHaus nell’ambito della rassegna “Milano in danze”, dedicata alla memoria di Micaela Masella . Tre gli spettacoli del focus, “Escapin’  Timelandia” di Matteo Bittante, “VITREAE VULTUS – sguardo vitreo-“ di Diego Tortelli e un estratto da CO/SCIENZE della Compagnia Laccioland, con un cast di giovani danzatori cresciuti in questi anni all’interno della DanceHaus, “la casa della danza” della città di Milano fondata dalla coreografa e direttrice artistica Susanna Beltrami.

ESCAPIN’ TIMELANDIA

creazione Matteo Bittante con Camilla De Campo, Vittoria Franchina, Vanessa Franzoi, Anita Lorusso, Vanessa Loi, Giuseppe Morello, Giovanni Leone

musiche originali Chris Costa featuring “Dreams of Latitude” di Maya Petrovna

produzione Associazione Contart

durata 34′

Viviamo in una società psico-apatica dove la mente ha perso la risonanza delle proprie azioni e dei propri sentimenti, dice Umberto Galimberti. La velocità ci anestetizza. Perché non riusciamo più a fermarci? È per la paura del tempo, mai abbastanza, o di ciò che la vita potrebbe rivelarci fermandoci a pensare, a riflettere, ad ascoltare… si chiede Matteo Bittante nella sua ipotesi danzata di un cambio di percezione sul mondo.

Estratto da CO/SCIENZE

Compagnia Laccioland

Durata 20’

Co/scienze racconta la conquista della consapevolezza di noi stessi, delle nostre azioni, dei nostri scopi. Ma è una consapevolezza che destabilizza e ci scuote. Fino a farci dubitare degli altri e del nostro legame con loro . L’unione c’è ma è continuamente messa alla prova. In scena una compagnia di uomini più maturi rispetto a Cre/azione , perché qui a guidarli non c’è più l’istinto, ma la coscienza.

VITREAE VULTUS – sguardo vitreo-

coreografia Diego Tortelli con Camilla De Campo, Vittoria Franchina, Vanessa Franzoi, Anita Lorusso, Vanessa Loi, Giuseppe Morello, Giovanni Leone

costumi e scene Diego Tortelli

musiche artisti vari

durata 25′

Diego Tortelli forte delle esperienze con Ramón Oller, Nacho Duato e Jirí Kylián e altri grandi della danza crea per i giovani di DanceHaus un tributo al concetto di arte e corpo. Lo “sguardo vitreo” è coperto a volte da un velo impercettibile. Che sia una statua in un museo surrealista chiusa in un cubo di vetro, oppure un uomo immobile con un’anima nascosta, il suono lo plasma oltre a tempo e spazio in nuove forme di bellezza.

 

Royal National Ballet of Tblisi – Il Fuoco della Georgia

LKV_Sharing per Anna Pavlova Network

Abbiamo seguito il Royal National Ballet of Tblisi nel Gran Galà di Danza “Il Fuoco della Georgia” portato in scena al Teatro di Milano con la collaborazione del Balletto di Milano. Uno spettacolo senz’altro fuori dagli schemi, che porta al grande pubblico i colori e i contrasti della tradizione Georgiana sulle note incalzanti e vigorose dei balletti e delle ballate del loro Paese. Colori sgargianti, evoluzioni e coreografie in volo che fanno da contorno ai loro balli legati alla tradizione, sono la base dell’esibizione del Royal National Ballet che attraverso i suoi ballerini, porta il pubblico in una dimensione alternativa dal mondo classico del Balletto. La tradizione Georgiana si mostra in tutta la sua energia e trasmette energia e forza. Direzione artistica Gela Potskhishvili. Un ringraziamento a Agnese Omodei Salè e al Teatro di Milano per la disponibilità

We followed the Royal National Ballet of Tbilisi in the Grand Gala of Dance “The Fire of Georgia” staged at the “Teatro di Milano” in collaboration with the “Ballet of Milan”.  A show definitely beyond regular, revealing to the public all the colors and contrasts of the Georgian tradition, using the artistic instruments of  ballet and dance.  This colorful performance with vigorous choreography tied  to the Giorgian  tradition is  the basis of the Royal National Ballet’s art. It lets  the audience enter an alternate dimension  very different from the classical world of ballet. The Georgian tradition shows itself in all its power and transmits energy and strength. The Artistic Director Gela Potskhishvili. Special thanks to Agnese Omodei Salè and Teatro di Milano for availability

Artista emerito della Georgia, danzatore pluripremiato, Cavaliere del Georgian Order of Honor, Gela Potskhisvili, già primo ballerino della Compagnia Metekhi del padre Gelodi – con la quale ha girato tutto il mondo, compresa l’Italia dove negli anni 90 ha effettuato numerosissime tournée in prestigiosi teatri e festival ed è stato ospite di varie ed importanti trasmissioni televisive. Ha fondato con la moglie Maia Kiknadze il Royal National Ballet per custodire e mantenere viva l’antica tradizione folklorica georgiana e al tempo stesso dare un nuovo impulso creativo impreziosendo le coreografie con evoluzioni coreografiche d’impatto. I danzatori georgiani sono famosi per gli strepitosi virtuosismi di cui le danze sono ricchissime. Incredibili acrobazie, salti spettacolari, giri vorticosi in un esaltante crescendo e anche a Milano il gruppo ospite presenterà alcune tra le danze più attese: dalle battaglie con le spade del “Khanjluri” all’esplosivo “Mtiuluri”, all’elegante corteggiamento del “Kartuli”.

Nel doppio appuntamento milanese saranno affiancati dal Balletto di Milano che presenterà alcune tra le più belle coreografie del proprio repertorio: dalla suite da Cenerentola a quelle da Carmen e Romeo e Giulietta. Senza dimenticare lo Schiaccianoci con la magia dei “Fiocchi di Neve” e l’allegria del “Valzer dei Fiori”

The Emeritus Artist of Georgia, award-winning dancer, Knight of the Georgian Order of Honor, Gela Potskhisvili, former principal dancer of Metekhi Company of Gelodi father – with which he has toured around the world, including Italy, where in the 90’s he made numerous tours in prestigious theaters and festivals and was a guest of various important television broadcasts. He founded with his wife Maia Kiknadze the Royal National Ballet to preserve and keep alive the ancient tradition of Georgian folk and at the same time give a new creative impulse embellishing the choreography with choreographic evolution impact. Georgian dancers are famous for sensational virtuosity of which the dances are very rich –  amazing stunts, spectacular jumps, whirling on exciting height. In Milan the group will present some of the most expected dances: the battle with swords “Khanjluri” , explosive “Mtiuluri”, the elegant courtship of “Kartuli “.

At the event in Milan they will be joined by the Milan Ballet which will present some of the most beautiful choreographies from its repertoire: from the Cinderella suite to those of Carmen and Romeo and Juliet. Not to mention the Nutcracker with the magic of “Snowflakes” and the joy of the “Waltz of the Flowers”!

All photos by Luca Vantusso of LKV Photo & Communications  – Anna Pavlova Network, all rights reserved.